Rolling Stones: Eravamo stonati e non sapevamo suonare

Rolling Stones: Eravamo stonati e non sapevamo suonare

Eravamo stonati e non sapevamo suonare

12 Luglio 1962 ad Oxford Street a Londra il primo concerto di un gruppo di ragazzi  che divennero l’alternativa cattiva dei Beatles

A 50 anni da quel giorno, i Rolling Stones sono ancora adorati dal pubblico, e continuano a rappresentare il lato oscuro di quel rock che invece gli scarafaggi di Liverpool avevano addolcito.
Sesso, ribellione, droga: questi i temi portanti dei loro testi, e un successo che non li ha mai abbandonati, nonostante il passare degli anni. Per Mick Jagger, frontman e cantante del gruppo, il tempo sembra non passare mai, e lo stesso vale per Keith Richards il chitarrista dei Rolling Stones, che a 70 anni continua a far breccia nel cuore delle giovani fan.

Contro il sistema, ma alla fine ben integrati in esso, i Rolling Stones hanno vissuto momenti difficili nel corso della storia, tra litigi, decessi (un punto cruciale per la vita del gruppo fu la morte di Brian Jones nel 1969, il chitarrista subito rimpiazzato tra mille critiche da Mick Taylor), e l’idea di una possibile riunione per il festival di Glastonbury nel 2013.

Come raccontato dal chitarrista Taylor, i Rolling Stones “non sapevano suonare”, “erano stonati”, ma “avevano idee e sapevano cogliere lo spirito del tempo”. Sono stati il carisma di Jagger e la potenza dei testi, più che la musica in sé, a dar loro celebrità. La droga poi aveva rovinato tutto. Ma oggi quasi tutti i componenti di allora sono in piedi e Mick Jagger e Keith Richards sembrano pronti a tornare sul palco. Nonostante tutto.

fonte:http://www.iljournal.it

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments